Esportare Cina & Far East

I4D è specializzata nell’area Asia-Pacific, la più promettente a livello mondiale, composta da un mix di economie, da quelle avanzatissime a quelle allo stadio iniziale di sviluppo, per oltre 3 miliardi di consumatori, prevalentemente giovani e con redditi crescenti.

Tutte le istituzioni e le ricerche indicano concordemente quest’area come la più dinamica nello sviluppo economico dei prossimi anni. Anche nell’emergenza pandemia, questi mercati si sono dimostrati i più veloci nel reagire alla crisi.

Esportare: Cosa Serve

Apertura mentale, per confrontarsi con nuove culture e mercati e, se necessario, adattare organizzazione e prodotti alle richieste della “nuova clientela”. 

Pazienza, perché  i risultati di una strategia di export necessariamente non sono immediati; tutte le aziende presenti sui mercati esteri hanno costruito il loro mercato con umiltà e tenacia, nessuno l’ha fatto in pochi mesi. 

Investimenti, come per ogni altro miglioramento aziendale.

I4D pensa a tutto il resto. Assistiamo l’azienda nell’intero processo di internazionalizzazione oppure solo in alcuni aspetti, a secondo delle esigenze. Il servizio è tagliato su misura sulla base degli obiettivi, del prodotto, del livello organizzativo aziendale, dei tempi e del budget assegnato al progetto.

Un percorso in 4 passi

Spesso si vedono aziende che per esportare in Cina (o in Asia) partono dal partecipare ad una fiera.
Delle buona impressioni, parecchie visite allo stand e la sensazione di tante opportunità. Tornati in Italia, la prima settimana 10 email con i contatti, la seconda 5, e poi niente più. Partecipazione, stand, trasferta per un paio di persone: una decina di migliaia di euro d’investimento e nessun ritorno.

L’Asia è un mercato promettente, ma enorme e lontano, fisicamente e come mentalità, è necessario pianificare le azioni e i tempi altrimenti sarà facile sprecare tempo e denaro.

I4D ha l’esperienza di 15 anni di missioni, dall’India alla Nuova Zelanda. Decine e decine di fiere visitate, contatti in quasi tutti i Paesi dell’Asia-Pacific.

Un network di contatti locali affidabili, requisito indispensabile per trovare i partners più idonei a garantire il successo di ogni piano di internazionalizzazione.

1 - Pianificazione

Una attenta pianificazione è fondamentale per non perdere tempo e sprecare denaro. Viene condotta una selezione dei Paesi con più opportunità per lo specifico prodotto ed un'analisi dei dati di mercato, dei volumi di import, dei competitors ed una mappatura delle fiere locali più significative.
I referenti locali nei Paesi interessati vengono attentamente istruiti sulle caratteristiche del prodotto e dell'azienda ed attivati per trovare i potenziali distributori e partner.

2 - Approccio

Dopo l'approvazione del cliente, il personale locale identifica un soggetto rilevante nell'organizzazione del potenziale distributore (titolare, general manager, capo ufficio acquisti, etc.) e lo contatta telefonicamente per proporre la collaborazione (è superfluo spiegare i vantaggi di un contatto tramite persona del posto).
Ai soggetti interessati viene inviata documentazione e presentazioni su azienda e prodotto. Dopo qualche giorno vengono richiamati per un follow up e, in caso di conferma di interesse, si fissa un appuntamento.

3 - Missione

La missione in loco è il punto fondamentale, sia perché la conoscenza personale è fondamentale per fare affari in Asia, ma anche per rendersi conto di persona dell'effettiva struttura del potenziale partner (spesso molto diversa dal suo sito internet!) e della compatibilità con gli obiettivi dell'azienda italiana.
Se del caso, si svolge la prima negoziazione delle condizioni di partnership.
Questa delicata fase viene sempre condotta personalmente dall'amministratore di I4D.

4 - Consolidamento

Non seguire con cura i distributori acquisiti significa vanificare tutto il lavoro fatto. La firma dell'accordo è un primo passo che va seguito con attenzione finché non si consolida il rapporto.
Possiamo gestire la relazione commerciale per un breve periodo di avviamento oppure gestirlo più a lungo in outsourcing.