MENU

Business Development +400%

Intervento in ambito di sviluppo commerciale, di creazione di modelli organizzativi e gestionali, di risorse umane in una società polacca. Fatturato quadruplicato e Ebitda a doppia cifra (intorno al 18% nel 2020).
Former Guardia di Finanza officer turned private sector as CEO and manager; in 2010 he founded I4D Consulting, focusing on strategic consulting for SMEs. He is a Certified Public Accountant. Passionate about IT related to business organization and the Asian world. In his free time he reads, does puzzles and takes Winston, a Lagotto and Breton Spaniel mix, for walks. The best thing he has done in life (a bit late) are two beautiful children, half Italian and half Polish.

Table of Contents

Situazione di partenza

L’intervento di business development ha inizio nel 2015 e riguarda una società polacca, produttrice di giochi da giardino. È attiva già da 6 anni, ha consolidato un modesto fatturato e un piccolo utile, ma stenta a crescere.
La proprietà italiana, ritenendo che vi fossero potenzialità inespresse, mi affida l’incarico di supportare il gestore locale – validissimo commerciale, ma con minore esperienza gestionale – per imprimere un significativo sviluppo al business. La collaborazione è tuttora in corso.

Business Development Commerciale e Produzione

Sebbene il budget iniziale non disponesse di grosse cifre, si è iniziato, sin da subito, a recuperare ogni quanto possibile e destinarlo allo sviluppo commerciale, orientandosi principalmente verso il mercato europeo. Già il primo anno si è iniziato a esporre in a 2 fiere e questo ha fornito un riscontro immediato nelle vendite.
Acquisite sicurezze sulle risposte che i prodotti avevano sul mercato, si è affrontato il problema di come supportare, con le modeste forze a disposizione, la crescita dei volumi.

L’analisi individua quali punti di forza dell’impresa:

  • la capacità commerciale di comprendere le richieste del mercato
  • la conoscenza tecnica necessaria a tradurre le esigenze in progetti di prodotto
  • la “finitura”, quale centro del valore del prodotto percepito dal cliente.

Si è, pertanto, iniziato un percorso di terziarizzazione delle attività produttive a basso valore aggiunto, concentrando il reparto produttivo solo nella parte di finitura e assemblaggio. Si sono trovati fornitori affidabili, che potessero fornire semilavorati con la potenzialità attesa. Partiti da zero, in 5 anni si è arrivati ad una quota di esternalizzazione di tali fasi superiore al 90%.

Si è, inoltre, investito nel potenziamento della struttura tecnica-progettuale, per poter fornire prodotti personalizzati alle diverse tipologie di clientela e rispondere alle esigenze diverse dei mercati locali serviti, nonché per necessità commerciali di differenziazione del prodotto.
Queste scelte si sono rivelate fondamentali e la società è, così, riuscita a sostenere la crescita dei volumi dal 2016 in poi.

polonia risultato

Agendo diversamente, non sarebbe mai stato possibile far crescere i volumi in questa misura e con questa velocità, per motivi di spazio, di scarsità di manodopera adeguatamente formata e di impatto organizzativo. La terziarizzazione produttiva ha, invece, consentito di liberare risorse interne, che sono state destinate alla produzione in house.

Un’altra iniziativa commerciale di successo è stato il lancio un e-commerce, di modeste dimensioni allo scopo testare i risultati di questa modalità di vendita sul mercato interno e di formare il personale. L’esperienza si è rivelata positiva ed  è stata l’utile premessa per ulteriori, più ambiziosi, piani di sviluppo nel canale digitale in via di realizzazione.

Management Control

Sin da subito si è adottata una gestione per budget, costruendo insieme al management un documento che fosse razionale e coerente, e che esplicitasse non solo gli obiettivi di vendita, ma anche ogni spesa prevedibile: un vero e proprio bilancio di previsione. Mensilmente si procede al controllo degli scostamenti tra le previsioni di budget e il consuntivo, adeguando, se necessario, le previsioni; a novembre si calcola un pre-consuntivo dell’anno.

Anche la gestione ha avuto un’evoluzione che ha accompagnato la crescita; all’inizio, la contabilità era gestita esternamente; oggi c’è un ERP, una responsabile amministrativa interna e un piano dei conti completamente rinnovato.

Risorse Umane

Il focus principale è stato quello di formare le professionalità interne del team, giovane e motivato, ma con esperienza limitata. Quindi, largo spazio a tutorship, indicazione e training su best practices, non solo al general manager.
È stata inoltre curata la ricerca e selezione di alcune figure chiave.

Tra le innovazioni gestionali apportate c’è l’adozione di un piano di bonus annuali legato alle performances personali e ai risultati aziendali, che ha introdotto un fattore di oggettività nella gestione salariale e ha permesso che la struttura seguisse l’elevata crescita senza strappi.

Risultati e Business Development futuro

I numeri raggiunti non necessitano di molti commenti, la crescita decisa del fatturato, quadruplicato rispetto al 2015, si accompagna ad un EBITDA oramai consolidato a doppia cifra, che ha raggiunto nel 2020 un livello intorno al 18%, e ad un utile lordo non molto inferiore.

Quella che era una micro azienda, oggi è una pmi, ma le ambizioni della proprietà e del management non sono esaurite: il programma per il 2021/2022 è denso di progetti.

Sarà redatto un piano triennale di sviluppo 2022-2024, che costituirà la base razionale per la discussione sullo sviluppo a medio termine e lo strumento strutturale per l’esecuzione degli investimenti previsti.
Nel corso dell’anno verrà lanciato un nuovo brand veicolato esclusivamente da un e-commerce e poste le basi per una contabilità industriale per arrivare ad un controllo completo dei costi.

LinkedIn
Facebook
WhatsApp