Controllo di gestione


Conta ciò che si può contare, misura ciò che è misurabile e rendi misurabile ciò che non lo è.

Galileo Galilei

Controllo di Gestione e Organizzazione

Per affrontare le sfide della globalizzazione le PMI hanno bisogno di ripensare i propri modelli organizzativi. Ogni imprenditore conosce bene il proprio settore ma generalmente tutta la sua esperienza deriva da una sola realtà, la sua. Perché non allargare gli orizzonti? Poter attingere ad esperienze variegate, ad una visione trasversale, con esperienze internazionali e in aziende organizzate, è un valore aggiunto che potrebbe fare la differenza nella competizione con la concorrenza.

  • Controllo di Gestione

    Le 5 esigenze dell’imprenditore
    1. Avere l’azienda sempre sotto controllo
    2. Sapere con precisione dove l’azienda guadagna e dove perde
    3. Sapere dove e come tagliare i costi
    4. Valutare se e dove investire (quantificando i ritorni)
    5. Avere un aiuto concreto nelle decisioni importanti.
    La contabilità non può darti queste risposte, perché è strutturata per adempiere a formalità fiscali e civilistiche. Il controllo di gestione è la risposta a queste esigenze.
    Anche nella piccola azienda si può creare una reportistica semplice e pratica per monitorare l’andamento mese dopo mese, che sia leggibile anche senza essere un commercialista.

    05 Controllo di Gestione – Testo
  • 05 Controllo di Gestione – Testo

    Non si vince giocando da soli

    Le grandi aziende hanno consiglieri d’amministrazione di alto livello, dirigenti preparati, consulenti internazionali; le scelte sono frutto di un lavoro di equipe e vengono analizzate da molti punti di vista diversi. Il piccolo imprenditore è solo, ed anche per un fuoriclasse è difficile vincere giocando da solo contro una squadra intera. Nelle piccole realtà non vi sono dipendenti di livello tale da comprendere la complessità della visione direzionale, e l’imprenditore si ritrova sempre da solo a dover prendere tutte le decisioni e gestire tutte le responsabilità.
    I4D offre un servizio con competenze di direzione aziendale a 360 gradi, esperienze settoriali trasversali, visione internazionale: un personal trainer perfetto

  • 05 Controllo di Gestione – Testo (mobile)

    Controllo di Gestione

    Le 5 esigenze dell’imprenditore
    1. Avere l’azienda sempre sotto controllo
    2. Sapere con precisione dove l’azienda guadagna e dove perde
    3. Sapere dove e come tagliare i costi
    4. Valutare se e dove investire (quantificando i ritorni)
    5. Avere un aiuto concreto nelle decisioni importanti.
    La contabilità non può darti queste risposte, perché è strutturata per adempiere a formalità fiscali e civilistiche. Il controllo di gestione è la risposta a queste esigenze.
    Anche nella piccola azienda si può creare una reportistica semplice e pratica per monitorare l’andamento mese dopo mese, che sia leggibile anche senza essere un commercialista.

  • 05 Controllo di Gestione – Testo (mobile)

    Non si vince giocando da soli

    Le grandi aziende hanno consiglieri d’amministrazione di alto livello, dirigenti preparati, consulenti internazionali; le scelte sono frutto di un lavoro di equipe e vengono analizzate da molti punti di vista diversi. Il piccolo imprenditore è solo, ed anche per un fuoriclasse è difficile vincere giocando da solo contro una squadra intera. Nelle piccole realtà non vi sono dipendenti di livello tale da comprendere la complessità della visione direzionale, e l’imprenditore si ritrova sempre da solo a dover prendere tutte le decisioni e gestire tutte le responsabilità.
    I4D offre un servizio con competenze di direzione aziendale a 360 gradi, esperienze settoriali trasversali, visione internazionale: un personal trainer perfetto

Per tenere l’azienda sotto controllo

I NOSTRI SERVIZI

Perché Scegliere I4D

Perché non siamo "consulenti", abbiamo passato la vita in azienda, da quella parte della scrivania, a prendere decisioni e ad assumerci responsabilità. Proprio come te.

  • Approccio Manageriale

    I nostri report parlano la lingua dell’imprenditore non del commercialista. Sono sviluppati per essere usati nella gestione, pochi numeri: l’incidenza e gli scostamenti della materia prima sul fatturato, le spese riclassificate per area aziendale (commerciale, produzione, generale) raffrontate con l’anno precedente e le principali voci di che determinano il risultato finale.
    Solo chi ha gestito un’azienda sa cosa ti serve realmente.

  • Visione Complessiva

    I numeri sono importanti perché indicano le criticità ma risolverle va al di la della ragioneria, comporta una conoscenza delle dinamiche aziendali di cui un contabile è privo. Le implicazioni sono diverse, interconnesse tra loro e necessitano di una visione e di competenze (commerciali legali, amministrative, di produzione) che possiede solo chi ha gestito aziende per anni.